Impianto liquami: ecco perché i cittadini non si fidano e firmano contro

percolatoSi sa che per l’oste il vino è sempre buono, ma se vi dice che è buona pure la merda, allora siamo a Campi Bisenzio!

Riguardo l’impianto smaltimento liquami di cui il Comune ha autorizzato la costruzione, leggiamo sulla stampa [1] le affermazioni assurde e paradossali del costruttore CIPECO: dice che in pratica dai liquami si estraggono acqua ed energia. Sono parole in libertà che non convincono neanche i più creduloni!

L’impianto di Campi non sarà una discarica, ma produrrà fanghi da avviare in discarica. Si dice che non ci saranno cattivi odori perché lavorerà al chiuso, ma i cittadini sanno che anche il pattume di Case Passerini ad oggi viene lavorato al chiuso, e sanno bene quale è il puzzo! Accade troppo spesso che impianti progettati e promessi come perfettamente sicuri diventino mostri ingestibili; dell’inceneritore di San Donnino non ci siamo dimenticati!

L’allarme cresce quando leggiamo ([2] e [3]) che in Puglia la società Alfa Srl (ex Vergine Srl) ha subito un sequestro di 6 milioni di euro perché si sospetta che abbia risparmiato sui costi di smaltimento fanghi ed ha ammorbato con miasmi pestiferi il vicino paese per anni. Leggiamo che un impianto di inertizzazione fanghi fatto male (o proprio non fatto) ha creato “molestia olfattiva e disturbi di vario genere” alla popolazione, a 3,5 chilometri di distanza.

Stiamo parlando della discarica “Vergine” in Puglia [4], ma cosa c’entra con Campi Bisenzio? C’entra eccome, perché Alfa Srl e Vergine (Spa e Srl) operavano in Puglia, ma hanno sede a Calenzano, il sig. Paolo Ciervo di Vergine è anche Amministratore Unico di CIPECO, la stessa CIPECO eredita da Vergine Spa il terreno su cui costruire l’impianto di Campi.

Dai giornali pare quindi che il trattamento fanghi in Puglia non gli abbia funzionato molto bene; con che faccia ci vengono a fare la lezioncina su questa “opportunità per Campi Bisenzio”? Così sono stati definiti i liquami da questi signori, le stesse parole scellerate usate dall’assessore all’urbanistica Salvi.

Per rassicurare i cittadini sarebbe stato utile chiedere al sig. Ciervo qualcosa sulla “gestione illecita di rifiuti”, di cui sarà costretto ad occuparsi visto che un giudice ha ritenuto le accuse nei suoi confronti talmente fondate da rinviarlo a processo appunto per quel reato e altre cosucce del genere [5].

L’assessore Salvi dirà che non possiamo dire sempre no per paura che qualcosa vada storto o per paura che si commettano reati. Ma quand’è che questa giunta riuscirà a dire di sì a qualcosa di meno brutto e preoccupante?

Entriamo nel merito ambientale dell’impianto: la storiella “acqua ed energia dai liquami” non sta in piedi. Basta leggere lo Studio di Impatto [6] (scritto da CIPECO stessa) per scoprire che l’acqua prodotta sarà quella nera scaricata in fogna: quasi 200 mila metri cubi all’anno (p.11). La produzione di energia invece proprio non risulta, anzi l’impianto consumerà all’anno più di 2 miliardi di watt.h! (p.40)

Ci dicono che sulle tonnellate di acque reflue scaricate in fogna vigilerà l’ARPAT, la stessa ARPAT che 10 anni fa ha tolto da Campi l’unica centralina che avevamo per il monitoraggio della qualità dell’aria. Siete più tranquilli ora?

Tutti gli indicatori ambientali del progetto sono ovviamente peggiorativi o al più neutri, a cominciare dal passaggio delle autobotti liquami (una ogni 25 minuti) che andrà a sommarsi ai TIR dell’Esselunga, ai camion dei rifiuti verso l’inceneritore, al traffico richiamato dall’aeroporto intercontinentale….

Sull’odioso e consueto ricatto “l’impianto crea posti di lavoro” non rispondiamo nemmeno: non si baratta né la salute né l’ambiente per un posto di lavoro! Parlano per noi le migliaia di lavoratori costretti a condizioni umilianti, oppure i morti di cancro dell’Ilva.

Ovviamente CIPECO fa i suoi interessi, ma il nostro sindaco cosa fa oltre a scaldare la seggiola in Città Metropolitana? Quando sotto i suoi occhi è passato il parere favorevole ai liquami [7] perché è stato zitto ed è toccato a noi farlo sapere ai cittadini [8]?

[1] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/f/fb/2017-03-28_la-nazione_liquami-ciervo-acqua-energia.jpg
[2] http://www.ilcorrieredelgiorno.net/sequestro-da-63-milioni-nei-confronti-della-societa-alfa-gestore-della-discarica-vergine/
[3] http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2016/01/29/rifiuti-illeciti-nella-discarica-scatta-il-sequestro-su-conti-e-caseBari16.html
[4] http://www.terredifrontiera.info/lizzano-udienza-preliminare/
[5] http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/cronaca/17_gennaio_26/discarica-vergine-capi-processo-l-accusa-gestione-illecita-rifiuti-0ab98bf6-e3fc-11e6-8b49-44db072ede4e.shtml
[6] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/2/24/2015-03-06_sia-impianto-rifiuti-liquidi-capalle.pdf
[7] http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/d/de/2015-12-09_via-impianto-rifiuti-capalle.pdf
[8] http://www.campibisenzio5stelle.it/wp/2015/12/20/a-700-metri-da-asmana-il-nuovo-impianto-per-smaltire-186-mila-tonnellate-di-liquami-allanno/

Be Sociable, Share!

Lascia un commento