Ex sindaco Chini a processo: prima udienza, molti imputati

palagiustizia-novoliIniziato il processo all’ex sindaco Chini, coimputati anche responsabili comunali tutt’ora in carica. È iniziato ieri il processo per la lottizzazione Poliarma: le 105 nuove unità abitative costruite nella frazione di Sant’Angelo. Il permesso a costruire è del 2012, ma già nel 2014 la Procura indagava per abusi edilizi (volumetrie gonfiate). Nel 2016 c’è stato il rinvio a giudizio per l’ex sindaco Chini, oggi sappiamo i nomi degli altri imputati.

L’operazione edilizia fu fortemente voluta dal Chini, questi erano gli ingredienti: il terreno della ex tintoria Magni, i piani e le autorizzazioni del Comune, la cooperativa Poliarma legata alla Polizia di Stato, i mutui erogati dalla banca “amica” del Partito (Monte dei Paschi).

Di solito – nei processi su materia edilizia – il Comune dovrebbe risultare parte offesa, ma ieri diversi nomi noti al Comune di Campi Bisenzio risultavano tra gli imputati: Adriano Chini (ex sindaco), Rodolfo Baldi (ex dirigente all’Urbanistica ed ex segretario comunale), Pietro Pasquale Felice (architetto, già dirigente Lavori Pubblici e Urbanistica), Franco Pepi (geometra, era responsabile all’Ufficio Edilizia Privata, ora all’ufficio Traffico), Alessandro Giannelli (ex geometra all’Edilizia, ci risulta non più dipendente del Comune). Imputati anche l’ex presidente di Poliarma, il direttore dei lavori, e altri soggetti. Tra i testimoni convocati anche l’architetto Letizia Nieri, responsabile dell’Urbanistica al Comune.

Diversi gli argomenti trattati dal Pubblico Ministero Gianni Tei, sotto gli occhi del giudice Elisabetta Pagliai. Si parla delle quote e dei volumi dei locali sottotetto, che sembrano difformi da quelli segnati al catasto. Il PM evidenzia come la Regione abbia confermato che sono stati edificati 300 metri cubi in più; una difformità considerata secondaria, tanto da poter chiudere un occhio. Anche il rischio idraulico tiene banco perché si teme che i garage finiscano sott’acqua. Si cercano soluzioni oltre alla cassa di espansione prevista; varie ordinanze sindacali e la variante del 2016 non hanno ancora sortito un risultato soddisfacente. Il PM ha voluto ascoltare anche alcuni liberi professionisti locali. Il tutto nella continua difficoltà – rilevata dal PM – di avere informazioni puntuali dal Comune, perché non si capisce mai con chi bisogna parlare!

L’udienza è durata l’intera mattinata, la prossima è prevista per il 23 novembre, alle 9.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento