Ci occupiamo di…

Cliccando su questo link:

http://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/index.php/Ci_occupiamo_di…

Vedrete le attività che stiamo svolgendo, e quelle che abbiamo svolto, dentro e fuori dal Consiglio Comunale.

Inoltre potrete interagire lasciando commenti e proposte nella pagina “discussione” disponibile per ogni argomento.

Ecco come è iniziata la “nuova” amministrazione Fossi:

Primo Consiglio Comunale (17/06/2013)

  • Nomina, a scrutinio segreto, del Presidente e del Vice Presidente del Consiglio Comunale ai sensi dell’art.39 T.U.E.L. e dell’art.22, comma 2, dello Statuto Comunale.
  1. Nomina del Presidente del Consiglio: Il Movimento 5 Stelle richiede la Presidenza in quanto è la lista di opposizione che ha preso più voti nelle elezioni ed era prassi (evidentemente fino a quest’anno) concedere la presidenza all’opposizione, ma:
– Il Consigliere Loiero, capogruppo del “P.D.”, a nome di tutti i gruppi consiliari di maggioranza, candida il Consigliere Colzi (PD)
– Il Consigliere Terreni, del gruppo consiliare “Movimento 5 Stelle”, candida il Consigliere Rigacci (M5S)
– Il Consigliere Gandola, capogruppo del “P.D.L.”, concorda nel candidare il Consigliere Colzi (PD!)

Hanno ottenuto voti per la carica di Presidente del Consiglio:
– Il Consigliere Colzi voti n. 23 (tutti i Consiglieri tranne i due del “Movimento 5 Stelle”)
– Il Consigliere Rigacci voti n. 2 (i Consiglieri del “Movimento 5 Stelle”)

Risultato: Colzi (PD) viene eletto Presidente del Consiglio e legge pubblicamente un interminabile discorso già preparato su più fogli di carta.

2.  Nomina del Vice Presidente del Consiglio:

– il Consigliere Gandola, capogruppo del “P.D.L.”, candida il Consigliere Valerio (PDL)

Il Consiglio Comunale procede alla votazione per l’elezione del Vice Presidente del Consiglio, a scrutinio segreto con il seguente risultato:

– Il Consigliere Valerio voti n. 20
– Il Consigliere Rigacci voti n. 1

Risultato: Valerio (PDL) viene eletto Vice Presidente del Consiglio

Qualsiasi commento è superfluo, prima PD e PDL votano compatti per eleggere un Presidente che sia del PD, poi PD e PDL votano compatti per eleggere un Vice Presidente che sia del PDL.

Lo schema delle larghe intese non vale solo per Roma…

Be Sociable, Share!

Lascia un commento