3 Easy Facts About Hello World – Channel 9 Explained

3 Easy Facts About Hello World – Channel 9 Explained

History edit While small test programs have existed given that the development of programmable computers, the tradition of using the expression “Hi, World!” as a test message was affected by an example program in the seminal 1978 book.https://hellowworld.com/ The example program because book prints “hello, world”, and was inherited from a 1974 Bell Laboratories internal memorandum by Brian Kernighan, Setting in C: A Tutorial: primary() printf(“hey there, world \ n”); In the above example, the primary() function defines where the program needs to start performing. The previous example in the tutorial printed hi! on the terminal, and the expression hey there, world! was presented as a somewhat longer welcoming that needed several character constants for its expression. The Jargon File claims that “Hi, World!” come from rather with BCPL (1967 ). This claim is supposedly supported by the archived notes of the innovators of BCPL, Brian Kernighan at Princeton and Martin Richards at Cambridge.

Williams. Variations modify “Hey there, World!” programs differ in complexity in between various languages. In some languages, particularly scripting languages, the “Hello, World!” program can be composed as a single statement, while in others (particularly numerous low-level languages) there can be a lot more declarations required. For instance, in Python, to print the string Hey there, World! followed by a newline, one only needs to compose print(“Hello, World!”).

Normally, shows languages that offer the developer more control over the machine will lead to more complex “Hi, World” programs. The phrase “Hello World!” has actually seen various deviations in punctuation and case, such as the existence of the comma and exclamation mark, and the capitalization of the leading H and W.

The Debian and Ubuntu Linux circulations supply the “Hi, World!” program through their software plan manager systems, which can be conjured up with the command hello. It acts as a sanity check and a simple example of installing a software bundle. For developers, it offers an example of producing a . This is one step of a programming language’s ease-of-use; since the program is implied as an intro for individuals not familiar with the language, a more complicated “Hi, World!” program may indicate that the programs language is less approachable. The idea has been extended beyond shows languages to APIs, as a measure of how basic it is for a new developer to get a standard example working; a faster time indicates an easier API for developers to embrace.

One day after school, a mysterious takes his library book and in an attempt to get it back, he satisfies a strange male that appears out of no place. This guy, whom just Naomi can see, is revealed to be himself from 10 years later on, now matured and an adult.

On the night of the event, Naomi declines to welcome her out for the festival and stays outdoors her home per Sensei’s orders. They realise that due to this being a world within Alltale, Sensei’s interference has caused its Homeostatic System to start. Bots in the type of kitsune men appear trying to fix the information, transferring Ruri and Naomi to the site of the occurrence.

Hello World Example – Serverless.com for Beginners

In a twist of occasions, Sensei unexpectedly reclaims God’s Hand and teleports Ruri away before vanishing. Naomi is surprised as he recognizes that Sensei’s strategy was to recreate Ruri’s original frame of mind in Alltale so that the data within might be synced with Ruri’s own comatose mind in the genuine world, enabling her to awaken.

The system then immediately starts filtering parts of information to keep and those to be erased, causing the space within 2027 Kyoto to move and for red auroras to appear in the sky. Naomi, remembering how Ruri was teleported away in a similar style, delves into the redness. He awakes in a virtual space to the yatagarasu, who assures him that he is not dead and promises to assist him conserve Ruri, manifesting God’s Hand for him again.

However, kitsune men quickly start appearing around the room targeting her, Sensei recognized his world is likewise a world within Alltale. Teenage Naomi warps to Ruri’s healthcare facility room and prepares to bring her to the staircase outside Alltale’s complex, which has the optimal spatial collaborates for them to go back to their initial world.

They are typically the very first programs that new coders discover, since even those with little or no experience can perform Hi World both easily and properly. If Hey there World does not work successfully within the structure, then it is likely that other, more complicated programs will also stop working.

10 Easy Facts About Hello World – Bloomberg.com Explained

10 Easy Facts About Hello World – Bloomberg.com Explained

The previous example in the guide printed hi! (1967 ).

Williams. Variations [modify] “Hello, World!” programs differ in intricacy between different languages. In some languages, especially scripting languages, the “Hi, World!” program can be composed as a single declaration, while in others (particularly lots of low-level languages) there can be a lot more declarations needed.https://hellowworld.com/ For instance, in Python, to print the string Hi, World! followed by a newline, one only needs to write print(“Hello, World!”).

Generally, programming languages that provide the programmer more control over the machine will result in more complex “Hello, World” programs. The phrase “Hi World!” has actually seen numerous deviations in punctuation and case, such as the existence of the comma and exclamation mark, and the capitalization of the leading H and W.

This is one step of a programs language’s ease-of-use; because the program is indicated as an intro for people not familiar with the language, a more complex “Hello, World!” program may show that the programs language is less approachable. The principle has been extended beyond programs languages to APIs, as a step of how basic it is for a brand-new designer to get a standard example working; a faster time suggests a much easier API for developers to embrace.

One day after school, a strange steals his library book and in an attempt to get it back, he meets an odd man that appears out of nowhere. This guy, whom just Naomi can see, is revealed to be himself from ten years later, now grown up and a grownup.

On the night of the event, Naomi refuses to invite her out for the festival and remains outside her home per Sensei’s orders. They understand that due to this being a world within Alltale, Sensei’s interference has actually triggered its Homeostatic System to kick in.

Some Known Incorrect Statements About “Hello World!” For Solaris Os, Linux, And Mac Os X (The Java …

In a twist of occasions, Sensei unexpectedly reclaims God’s Hand and teleports Ruri away before vanishing. Naomi is shocked as he recognizes that Sensei’s plan was to recreate Ruri’s original mindset in Alltale so that the data within could be synced with Ruri’s own comatose mind in the real life, allowing her to wake up.

The system then instantly starts filtering parts of data to keep and those to be removed, triggering the area within 2027 Kyoto to shift and for red auroras to appear in the sky. Naomi, recalling how Ruri was teleported away in a comparable fashion, leaps into the redness. He wakes up in a virtual space to the yatagarasu, who assures him that he is not dead and guarantees to assist him save Ruri, manifesting God’s Hand for him once again.

Nevertheless, kitsune guys soon begin appearing around the room targeting her, Sensei recognized his world is likewise a world within Alltale. Teenage Naomi warps to Ruri’s medical facility room and prepares to bring her to the staircase outside Alltale’s complex, which has the optimal spatial collaborates for them to return to their original world.

They are generally the very first programs that new coders learn, due to the fact that even those with little or no experience can carry out Hi World both easily and correctly. If Hi World does not work effectively within the framework, then it is most likely that other, more intricate programs will also fail.

Recensione della slot machine Book of Ra

Si prega di notare che: Questo casinò online non è più disponibile. Scegli un’opzione dai nostri migliori casinò online.

La slot machine Book of Ra del sito di gioco è stata fondata nel 2015 ed è quindi un casinò online abbastanza giovane. Tuttavia, sono diventati rapidamente molto popolari. Forse parte del motivo è il fatto che ci sono persone esperte del settore dietro il casinò, e quindi avevano la ricetta per il successo pronta prima di iniziare.

website https://bookofra-deluxe.it/book-of-ra-6-deluxe/

In ogni caso, ti verrà offerto un fantastico bonus di benvenuto, 100% fino a NOK 2.000. La slot machine Book of Ra utilizza anche il noto sviluppatore di software Netent, quindi puoi essere sicuro di poter giocare con le migliori slot machine sul mercato!

 

Poiché i casinò online sono stati avviati in gran numero negli ultimi anni, purtroppo alcuni di questi non sono i migliori studenti della classe. In ogni caso, possiamo tranquillamente consigliare la slot machine Book of Ra come un casinò sicuro e protetto, e puoi leggere la nostra recensione della slot machine Book of Ra qui.

 

Panoramica delle nostre esperienze

Qui puoi giocare ad alcuni dei migliori giochi del mondo. La ragione di ciò è che collaborano con NetEnt, che è uno dei migliori sviluppatori sul mercato. NetEnt rilascia regolarmente giochi e slot machine nuovi e innovativi che deliziano i fan di tutto il mondo. Alcuni esempi sono Gonzo’s Quest, Mega Moolah e Mega Fortune. Quest’ultima slot machine con jackpot ha una vincita media di circa 38 milioni di NOK, ma nel 2011 un fortunato studente norvegese ha vinto fino a 92 milioni di NOK su questo particolare gioco.

 

Oltre a questo, ovviamente, offrono anche classici giochi da tavolo, video slot e casinò dal vivo. Quest’ultima è un’offerta molto eccitante, qui puoi giocare contro veri mazzieri che sono a Malta e distribuire le carte davanti a una telecamera, questa telecamera quindi trasmette le immagini direttamente allo schermo del tuo computer. Si ha così la sensazione di trovarsi in un vero casinò anche se si è seduti nel proprio salotto.

 

Abbiamo fatto molti sondaggi per la nostra recensione e abbiamo concluso che hanno un punteggio alto su molti livelli. Funzionano con alcuni dei migliori sviluppatori sul mercato e possono quindi offrire un’ottima selezione di giochi diversi.

 

Oltre a questo, hanno anche un’ottima licenza dalle autorità maltesi, in modo che sia i partner che i clienti possano essere sicuri che questo è un posto sicuro in cui giocare e collaborare.

 

Abbiamo esaminato il loro servizio clienti e abbiamo riscontrato che i consulenti alla clientela sono molto disponibili e competenti. Abbiamo anche dato un’occhiata alla loro offerta di casinò dal vivo e crediamo che questo avvenga regolarmente rispetto ad altri casinò sul mercato. Puoi anche effettuare depositi e prelievi con la maggior parte delle soluzioni di pagamento disponibili anche altrove.

 

Esperienza con le slot machine Book of Ra: truffe o no?

Abbiamo concluso che questo casinò è un posto molto sicuro dove giocare. Tra le altre cose, hai una buona licenza delle autorità maltesi, che garantisce che l’operazione sia equa e sicura. Si assicurano inoltre che tutte le informazioni che i clienti lasciano sul loro sito siano crittografate in modo che non possano andare perse in alcun modo. La crittografia utilizzata è una delle migliori al mondo, ovvero la crittografia SSL.

 

Siamo stati anche piacevolmente sorpresi dal fatto che sul loro sito Web si siano concentrati sul gioco responsabile. Hanno una sezione completamente separata dove ci sono informazioni su dove puoi ottenere aiuto e come puoi impostare restrizioni sul tuo conto di gioco in modo da non giocare per soldi che non hai. Si collegano anche a GambleAware.

 

È anche chiaro che altre grandi aziende hanno fiducia nel casinò. Tra le altre cose, collaborano con importanti player come PayPal e Skrill. È piuttosto dubbio che società così grandi avrebbero colto l’occasione di collaborare con un casinò canaglia che avrebbe potuto dare loro una cattiva reputazione tra clienti e partner.

 

Panoramica di ciò che offre la slot machine Book of Ra

Questo sito offre alcune delle migliori slot machine disponibili al mondo. Lavorano con grandi aziende come NetEnt, Microgaming, Quickspin e Play ‘N Go. Quindi, in altre parole, hai molte scelte quando si tratta di slot machine, troverai tutti i migliori best seller su questo sito.

 

Inoltre, avrai anche l’opportunità di giocare ai classici giochi da tavolo e su macchine video se preferisci.

 

Casinò online

I clienti norvegesi hanno un debole per le slot machine ed è proprio per questo che questo casinò è molto adatto ai clienti norvegesi. Qui troverai tutti i più grandi giochi dei più grandi sviluppatori di giochi. Puoi anche giocare alle slot machine con jackpot giganti e progressivi se vuoi inseguire il sogno di andare in pensione presto e trasferirti al sud.

 

Se ti piacciono i giochi da tavolo, puoi ovviamente anche giocare a giochi classici come poker, blackjack, roulette e baccarat. Esistono innumerevoli varianti di questi giochi classici, quindi sei sicuro di trovare una variante che preferisci rispetto a tutte le altre.

 

Book of Ra Slot

La slot Book of Ra è un nuovo casinò online australiano. Sono appena stati lanciati con un nuovissimo sito Web su cui puoi già configurare. In questa recensione, dobbiamo dare un’occhiata più da vicino a cosa aspettarti se scegli di diventare un giocatore della slot https://bookofra-deluxe.it/book-of-ra-magic/ online. Quindi, se questo è qualcosa che stai considerando, continua a leggere di seguito.

Come ottenere il tuo bonus

Ci sono alcuni passaggi che devi seguire prima di poter ottenere il tuo bonus e iniziare a giocare. Ci vogliono solo pochi minuti e devi solo seguire quello che è scritto appena sotto.

Ecco quanto può essere davvero facile. L’unica cosa che può essere un po’ più impegnativa è capire quale casinò online è il migliore per te.

Bonus in corso e programma fedeltà allo slot Book of Ra

Se sei il tipo di giocatore che sceglie il casinò in base a quali bonus in corso è possibile ottenere, potrebbe essere necessario prendere in considerazione la slot Book of Ra. Hanno qualcosa chiamato i preferiti di oggi dove puoi vincere nuove e divertenti vincite ogni giorno della settimana. Tutto quello che devi fare è tenere d’occhio il favorito che c’è quel giorno.

Ogni giorno c’è una nuova offerta, e quindi è sempre divertente accedere e vedere quali offerte puoi ottenere quel giorno.

Se stai cercando un casinò con un bonus club, allora questo è anche qualcosa che offre la slot Book of Ra. Il club è diviso in sei diversi livelli. Quando guadagni punti aumenterai gradualmente di livello, il che ti darà accesso a più bonus. Quando crei un account, inizi automaticamente al livello chiamato “Bronze”. Dopo aver raccolto 400 punti, sali al livello successivo.

Alcuni dei bonus che puoi ottenere sono un’offerta speciale di bonus mensili, bonus di compleanno, pagamenti più rapidi e un calendario delle promozioni, ecc.

Informazioni sulla slot Book of Ra

La slot Book of Ra è un nuovo casinò online creato da Prime Gaming. Vogliono apparire come il tuo nuovo e lussuoso casinò. Per molti anni, Prime Gaming ha sviluppato e offerto giochi a molti giocatori in tutto il mondo.

Da ciò, ovviamente, hanno raccolto molta esperienza di cui vorrebbero fare uso. Pertanto, hanno scelto di utilizzare quell’esperienza per creare un casinò online. Hanno cercato di creare per te un’esperienza di gioco emozionante, divertente e sofisticata.

Slot Book of Ra per dispositivi mobili

Molti giocatori danno grande enfasi all’avere più flessibilità durante il gioco. Pertanto, è un chiaro vantaggio se un casinò si è assicurato di rendere l’esperienza mobile qualcosa di speciale. La slot Book of Ra al momento non ha un’app appositamente progettata, ma puoi giocare facilmente sul tuo telefonino.

Tutto quello che devi fare è andare al sito web del casinò sul browser del tuo cellulare. Una volta fatto ciò, ti ritroverai nell’angolo in cui hai l’opportunità di accedere. Va detto solo che devi aver creato un utente al casinò in anticipo.

La slot Book of Ra si è assicurata che il casinò sia completamente ottimizzato quando giochi sul tuo telefonino. Pertanto, ottieni comunque un’esperienza davvero buona giocando al casinò anche se giochi su uno schermo molto più piccolo. Quindi non dovresti scendere a compromessi sull’usabilità o sulla qualità.

Selezione di giochi

La slot Book of Ra ha una vasta selezione di giochi che puoi usare quando sei un utente. La selezione di slot machine è chiaramente la più ampia. Puoi scegliere tra ben 580 slot differenti su cui giocare. Tra gli sviluppatori, puoi trovare NetEnt, Play’n GO, Evolution Gaming, Big Time Gaming e NYX.

Opzioni di deposito e prelievo

È abbastanza facile quando devi effettuare depositi e prelievi allo slot Book of Ra. Ci sono una manciata di metodi diversi che puoi sfruttare. Per chi vuole attenersi ai metodi più diffusi e che conosce, ha la possibilità di utilizzare Visa, MasterCard e PayPal.

Inoltre, hai anche l’opportunità di utilizzare alcuni dei servizi più recenti. Offre Trustly, Skrill, Neteller e Paysafecard. Ciò significa che ci sono molte opportunità per trovare il metodo di pagamento più adatto a te.

Servizio clienti slot Book of Ra

Se fai clic nel menu nell’angolo in alto a sinistra, troverai una scheda chiamata “aiuto”. Qui sarai accolto da un gran numero di domande a cui il casinò ha risposto. Queste domande sono alcune che sono state poste spesso da altri giocatori. Pertanto, ci sono buone probabilità che tu possa anche trovare la risposta alle tue domande lì dentro.

Se questo non è il caso, forse il tuo servizio clienti è limitato. Ci sono due modi per entrare in contatto con loro. Puoi scrivere loro in una chat dal vivo una volta effettuato l’accesso al sito. Inoltre, puoi anche inviare loro un’e-mail.

Osservazioni conclusive sullo slot Book of Ra

La slot Book of Ra è un casinò online davvero promettente in Danimarca. Oltre a una vasta selezione di giochi, il casinò ha anche un bel bonus di benvenuto e un bonus club, per coloro che non ne hanno mai abbastanza di offerte.

 

Parco Iqbal: ex gestione a processo

Si è svolto martedì 11 al Palazzo di giustizia di Novoli il dibattimento di un processo a carico di Monica Botarelli e Alessandro Ciulli, in relazione all’attività di Mondo Bimbo Group e dell’associazione Accademia del Pattino d’Oro circa la conduzione del Parco Iqbal. Come testi erano convocati (tra gli altri) l’ispettore di P.M. Goretti e il sottoscritto.

L’affidamento al gestore privato (voluto dal Comune nel marzo del 2015) si è rivelato un disastro e questo processo evidenzia solo in minima parte il danno che la comunità ha subito. Il procedimento infatti pare che riguardi solo gli esiti del sopralluogo effettuato dalla Polizia Municipale nell’agosto 2016, quando furono rilevate alcune irregolarità; oltre a qualche ipotesi di abuso edilizio (copertura della pista e strutture per attività di ristoro) vi è la gestione da parte di soggetto non autorizzato (sub concessione), la mancata certificazione di impianti elettrici, ecc.

Fu anche per questo che il Comune nel settembre del 2016 revocò la concessione e nessun privato era più autorizzato a gestire le strutture del Parco. Almeno in teoria, perché nei mesi successivi continuarono indisturbate varie attività, tra cui le lezioni di pattinaggio; pure nel capannone “dei compleanni” il cui uso risultava interdetto perché bisognoso di opere di consolidamento.

Si è quindi arrivati ad un processo, ma da esso pare che siano rimasti fuori molte delle questioni che il M5S ha sollevato in questi anni. Alcune hanno rilevanza penale, come l’incendio doloso che distrusse il chiosco-bar quattro giorni dopo l’esito della gara di affidamento. Altre invece riguardano i danni economici causati a nostro avviso da una Amministrazione inetta. Dopo l’incendio infatti il vincitore della gara chiese in corso d’opera un cambio degli accordi; il conseguente continuo rimpallo di richieste ha fatto sì che i lavori di riqualifica del Parco – che dovevano essere fatti prima dell’inizio delle attività (valore 50 mila euro) – non venissero mai fatti. Il Comune inoltre non è stato in grado di riscuotere né la fideiussione a garanzia dei lavori né le pur misere penali incluse nel capitolato. Ovviamente non ha riscosso un euro del canone di 10 mila euro/anno, che doveva essere scontato in cambio dei lavori. Oltre al danno anche la beffa: il gestore usò luce, acqua e gas senza fare le dovute volture e le bollette da pagare arrivarono al Comune.

A tutt’oggi non risulta che il Comune abbia provveduto a indire una nuova gara per l’affidamento, ma continua a spendere soldi. Ad esempio i 51.000 € usati per coprire la pista di pattinaggio, dopo che aveva fatto rimuovere la precedente struttura perché abusiva! Il tutto senza aver ancora chiarito chi ha diritto ad usare le strutture, chi è autorizzato, chi no, chi lo sarà in futuro.

Quante stelle per un sindaco?


Cinque domande per i candidati sui temi a Cinque Stelle, in vista del ballottaggio fra Emiliano Fossi e Maria Serena Quercioli a Campi Bisenzio.

Aeroporto

Il MoVimento 5 Stelle è contrario a tale opera perché danneggia in modo irreparabile i cittadini di Campi Bisenzio e favorisce solo gli (im)prenditori privati che realizzano profitto con i finanziamenti pubblici, saccheggiando l’ambiente.
Entrambi i candidati si sono pronunciati contro la realizzazione del nuovo aeroporto di Firenze, ma è evidentemente vero che entrambi hanno come “azionisti di riferimento” dei partiti politici che invece tale opera la vogliono eccome (PD, Forza Italia e Lega rispettivamente)! [1][2][3]
Quale forza/credibilità ha un sindaco che si oppone ad un’opera di portata sovra-comunale, quando non vuole, o non può, o non riesce a svincolarsi da chi detta la linea politica?

Inceneritore

Il Comune di Campi è fanalino di coda per la raccolta differenziata nella Piana, in 5 anni la giunta Fossi non è riuscita a cambiare tale pessimo risultato (dal 49% del 2013 al 55% di fine 2016, ultimo dato pubblico [4]). È evidente che l’assessore all’ambiente Ciambellotti – per competenze e spessore politico – non è stato all’altezza dell’incarico. È intenzione del futuro sindaco individuare figure di comprovata capacità per tale importantissimo assessorato?
Nel marzo del 2015 l’iniziativa popolare per aderire al protocollo “Rifiuti Zero” è stata respinta dal sindaco Fossi e dalla sua maggioranza, le opposizioni M5S e Forza Italia votarono a favore [5]. Nei rispettivi programmi elettorali purtroppo non si fa cenno a questo tema: i candidati a sindaco hanno intenzione di iscrivere il Comune al protocollo “Rifiuti Zero”? In che tempi?
La dismissione delle quote Alia è stata votata dalla maggioranza Fossi [6], d’altra parte nel programma Quercioli è caldeggiata la dismissione delle società partecipate per favorire l’iniziativa privata. In che modo si pensa di poter influire sulle politiche di gestione rifiuti, visto il disimpegno diretto del Comune? Un controllo di seconda sponda (tramite Consiag) come può renderci più influenti?
Sia il PD per bocca del Fossi che Forza Italia per bocca di Gandola, propongono l’allargamento dell’ATO rifiuti alla Regione [7], anche in questo caso il Comune potrà contare oggettivamente di meno e prevarranno le scelte politiche regionali. Come si concilia questo con l’interesse dei cittadini di Campi?

Impianto liquami

Per il M5S la costruzione dell’impianto smaltimento liquami (186.000 tonnellate/anno) è il segnale che il territorio di Campi Bisenzio viene svenduto a chi non si fa scrupoli nel portare le funzioni più scomode nel nostro territorio.
Il sindaco Fossi ha avvallato tutte le pratiche per la realizzazione dell’impianto sia in ambito comunale che in ambito di Città Metropolitana, il suo assessore Salvi ha addirittura affermato che tale impianto è una “opportunità” per Campi. Nel programma elettorale di Quercioli il problema non è affrontato, ma è noto il favore con cui Forza Italia ha sempre accolto qualunque iniziativa privata sul territorio.
Cosa hanno da dire i rispettivi candidati ai cittadini che giustamente vogliono vedere il proprio territorio valorizzato e non relegato a discarica metropolitana?

Emergenza abitativa

Il MoVimento di Campi è stato in prima linea per spronare l’Amministrazione a dare risposte concrete all’emergenza abitativa.
La risposta del Fossi, a nostro avviso del tutto insufficiente in questi 5 anni, dovrebbe concretizzarsi nel suo futuro programma con la realizzazione di 48 nuovi appartamenti popolari (zero quelli realizzati nei 5 anni passati). La risposta di Quercioli invece si concentra sulla verifica dei requisiti degli assegnatari attuali e su nuovi criteri che favoriscano i cittadini con maggiore anzianità di residenza.
A parte da differente impostazione “ideologica”, quali sono gli elementi concreti per cui la casa popolare potrebbe diventare davvero uno strumento di solidarietà efficace e immediato per le famiglie (o i singoli) che si trovano nel giro di pochi mesi a perdere il lavoro e quindi anche la casa? Come sarà ribaltato lo stato attuale in cui l’alloggio popolare semplicemente non c’è oppure diventa disponibile in tempi biblici?

Sicurezza

La giunta Fossi ha parlato a lungo di “insicurezza percepita” che non corrisponderebbe alla realtà, sbandierando statistiche secondo le quali gli episodi criminosi sono in diminuzione. Forza Italia invece ha cavalcato a lungo il tema sicurezza per attaccare l’Amministrazione.
Tuttavia i due programmi elettorali sono sostanzialmente identici, si basano sul rafforzamento dell’organico di Polizia Municipale (il famoso terzo turno) e l’installazione di telecamere.
Quali elementi oggettivi ha il cittadino per valutare la credibilità e l’efficacia delle proposte?

[1] http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/04/14/news/fate-largo-all-aeroporto-1.260223
[2] http://www.gonews.it/2018/03/11/aeroporto-peretola-stella-fi-solo-centrodestra-vuole-la-nuova-pista/
[3] https://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/politica/18_giugno_08/lega-stoppa-cinque-stelle-grandi-opere-indispensabili-c5d11532-6aea-11e8-9ef4-5d5bdb895b7b.shtml
[4] https://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/0/04/Quadrifoglio-newsletter_2016-12.pdf
[5] https://www.campibisenzio5stelle.it/pub/atti/2015/03/2015-03-03_CONSIGLIO-42.pdf
[6] http://www.comune.campi-bisenzio.fi.it/flex/FixedPages/IT/Atti.php/L/IT/M/D/doc/362198.pdf
[7] http://tuttosesto.net/campi-gandola-fi-fossi-propone-un-unico-ato-lo-chiediamo-quasi-dieci-anni/

Parco della Piana… o parcheggio?

Davvero non si capisce come mai dei cittadini, peraltro per bene, si siano uniti sotto il nome “SÌ Parco NO aeroporto inceneritore” per favorire il ritorno sullo scranno del vecchio sindaco Adriano Chini.
Costui ha guidato #CampiBisenzio per 20 anni, durante i quali si è distinto per aver inventato l’inceneritore nella Piana, per averlo sostenuto anche in barba alla volontà popolare) [1] e per aver avallato tutte le cementificazioni che hanno ridotto Campi a quello che è oggi. La sua vocazione ecologista, pari a quella di Attila, si è espressa fino agli ultimi giorni del suo mandato: fra gli ultimi atti da sindaco ricordiamo la delibera con cui svendette il Parco della Marinella a I Gigli, che ci hanno fatto un inutilissimo parcheggio [2].
L’impianto trattamento liquami oggi in costruzione è possibile perché quella porzione di territorio ad alto valore ambientale è stata trasformata da lui in terreno edificabile. L’area dell’ex stadio comunale è stata trasformata da lui in terreno edificabile invece di essere utilizzata per ampliare il parco Iqbal. Lui aveva previsto una colata di cemento tra via Don Gnocchi e via Grandi, vicino a Villa Rucellai, fortunatamente bloccata dall’inchiesta Appaltopoli.
La stagione del cemento del Chini prosegue ai giorni nostri, nelle aule dei tribunali. A marzo scorso il Chini ne è uscito penalmente intatto, ma la lottizzazione Poliarma che doveva essere fiore all’occhiello della sua Amministrazione, si conclude con condanne al presidente della cooperativa e a un tecnico del Comune per abuso edilizio e falso. [3]
Cari cittadini, che garanzie vi offre il Chini di non svendere quel che resta del Parco per farci qualcosa di molto più ghiotto di un parcheggio? Ad esempio un bell’aeroporto…
Il Chini è esperto in giravolte già dal 1995, quando si fece appoggiare da chi aveva combattuto l’inceneritore di San Donnino (la lista Democrazia e Governo) salvo poi tradirle con la proposta di costruirne uno nuovo a Case Passerini.

[1] https://www.campibisenzio5stelle.it/wp/2018/05/30/linceneritore-che-si-voleva-da-se/
[2] https://www.campibisenzio5stelle.it/wp/2017/12/22/la-morte-inutile-del-parco-della-marinella/
[3] https://tuttosesto.net/processo-poliarma-assoluzione-per-lex-sindaco-adriano-chini/

Caccia grossa al voto grillino!

Cinque anni fa il MoVimento entrò in Consiglio comunale a Campi Bisenzio con due consiglieri. Un’opposizione ferma e costruttiva nell’interesse dei cittadini e del territorio che ha avuto riscontro nel voto del 4 marzo: con 6.196 voti (27%) il MoVimento si è affermato come seconda forza politica cittadina. Purtroppo il 10 giugno il M5S non sarà presente alle amministrative: dove finiranno questi voti? Sono voti che possono fare la differenza: ad esempio per il sindaco uscente Fossi fra vincere al primo turno o perdere al ballottaggio! Quindi l’elettore grillino, se prima era la peggiore specie mai vista sulla terra, ora è il più corteggiato di tutti!
Questo significa che IL VOSTRO VOTO CONTA! E per fortuna il voto È VOSTRO, non di lorsignori (e nemmeno del MoVimento). Usatelo bene, anzitutto ANDANDO A VOTARE!
Il Fossi ha arruolato un pattuglione di quasi 100 candidati giocando la partita su piccoli interessi personali, amicizie, promesse. Ovviamente scommette sul voto che ciascun candidato porterà; una strategia che farà del Palazzo un ristretto giro di amici dove ognuno vorrà la sua parte e gli interessi della comunità saranno tagliati fuori. In caso di forte astensione i voti degli “amici” valgono doppio, molto meno se invece andranno a votare in tanti.
Ci spiace che non potremo votare MoVimento, ma potremo comunque scegliere quello che ci assomiglia di più (o quello che ci schifa di meno). Se il voto al primo turno è importante – anche per le liste minori – all’eventuale ballottaggio sarà addirittura determinante.
A proposito dell’assenza dei 5 Stelle dalla competizione: la causa è la mancata certificazione da parte dello “staff” milanese. Un pasticciaccio che forse si poteva evitare lavorando su due fronti: maggiore partecipazione al Meetup campigiano e migliore comunicazione fra staff e territorio.
Uno smacco da cui il MoVimento trarrà insegnamento, ma che dovrebbe far riflettere anche la parte più attiva della cittadinanza, quella che esprime comitati e associazioni e che spesso si è rivolta al MoVimento per rappresentare le proprie istanze. A furia di voler essere equidistanti dalla politica e interpretare l’azione a senso unico (il cittadino chiede al politico, ma si guarda bene dal prendere posto in uno schieramento) viene il dubbio che tutto sommato va bene se a comandare sono sempre gli stessi. Forse si lotta non per cambiare, ma per un po’ di visibilità; una volta raggiunto il sindaco o l’assessore di turno per una chiacchierata o un selfie, si pensa di aver vinto la battaglia.
È vero che le battaglie si fanno fuori dal Palazzo, ed è da questo che il MoVimento di Campi riparte, ma farà tesoro di ciò che ha imparato in 5 anni. I tre portavoce avvicendati in Consiglio hanno visto da vicino come opera una Amministrazione incapace di pensare ai cittadini, perché impegnata solo a cercare consensi con marketing e mancette. Siamo convinti della necessità che il MoVimento esista ancora, fuori e dentro al Palazzo, perché nessun altro attore politico è oggi adeguato a realizzare il cambiamento necessario.

L’inceneritore che si voleva da sé

Il Consiglio di Stato conferma che l’autorizzazione per l’inceneritore di Case Passerini è annullata [1]. Tutti gioiscono! Ma chi lo voleva questo inceneritore?
Emiliano Fossi, il sindaco PD di Campi, dichiara “Questa è la più importante vittoria dell’amministrazione comunale in questi 5 anni di Governo” [2], l’ex sindaco Adriano Chini (PCI, DS, PD, le ha fatte tutte ed è di nuovo in lizza per la poltrona) rilancia anche contro l’aeroporto: “opposizione decisa a entrambe le opere” [3]. Il governatore della Toscana Enrico Rossi (eletto col PD dal 2010 a oggi) si affretta a precisare “Com’è noto io ero contrario” [4].

Ma allora questo inceneritore si voleva da sé? Come mai è toccato smuovere i tribunali per fermarlo? Non vi fate prendere in giro dagli ecologisti rinverginati dell’ultim’ora, andiamo in ordine cronologico e ricordiamo!

Chini in realtà è il padre dell’inceneritore, sua fu l’idea di collocarlo nella Piana durante la pianificazione Regionale del 1998. Nel 2007 il Chini diceva ancora che gli inceneritori “sono necessari” [5]. Erano i giorni del referendum di Campi e anche la CGIL scendeva in campo invitando a votare SÌ [6]. Al referendum stravinse il NO, ma il Chini non cambiò idea, nel 2008 scriveva nel programma elettorale: si “porrà la questione” solo “se risulterà che esistono sistemi alternativi” [7].

Il Fossi nel 2007 era assessore del Chini e ovviamente lo appoggiava nella scelta pro inceneritore. Nel 2013 si candidava come sindaco e sul tema era chiaro: “il centro sinistra ha detto sì al termovalorizzatore”, “non si può a ogni piè sospinto mettere in discussione le scelte” [8]. Non possiamo poi dimenticare che nel 2015 il sindaco e la sua maggioranza bocciavano la mozione popolare “Rifiuti Zero” [9].
Ma soprattutto i piani alti del PD facevano le scelte inceneritoriste senza alcuna obiezione interna: nel novembre del 2014 la Regione Toscana approva – con i voti del PD e Forza Italia astenuta – il Piano Rifiuti con 7 inceneritori dentro [10]. Sempre nel 2014 il governo Renzi (PD) vara il decreto “Sblocca Italia” con dentro 12 nuovi inceneritori (e i rifiuti importati da altre regioni). Il ministro Galletti (ministro con Renzi e Gentiloni) dice “Bisogna fare presto” [11].

E qualcuno dei lorsignori oggi vorrebbe pure intestarsi la vittoria del NO!

P.S. Aeroporto sì, inceneritore no [12]: questa sarebbe la linea di Forza Italia a Campi Bisenzio (impianto liquami? Non pervenuto). Peccato che i colleghi dei comuni vicini non perdano occasione per ribadire che l’inceneritore lo vogliono eccome [13][14].

[1] http://firenze.repubblica.it/cronaca/2018/05/24/news/case_passerini_il_consiglio_di_stato_blocca_l_inceneritore-197245727/
[2] http://www.controradio.it/inceneritore-sindaco-campi-posto-fine-a-unopera-superata-e-obsoleta/
[3] https://www.piananotizie.it/inceneritore-chini-fare-citta-la-notizia-del-tar-del-lazio-mi-ha-dato-ragione/
[4] http://www.firenzetoday.it/cronaca/rifiuti-stop-definitivo-inceneritore-case-passerini-sentenza.html
[5] http://www.ecodallecitta.it/notizie/8258
[6] http://storico.cgilfirenze.it/2007/termovalorizzatore.html
[7] http://www.comune.campi-bisenzio.fi.it/flex/FixedPages/IT/elezioni/pdf/SIN08/Programma_Chini.pdf
[8] http://www.comune.campi-bisenzio.fi.it/flex/FixedPages/IT/elezioni/pdf/SIN13/
Programma_Fossi.pdf
[9] http://www.comune.campi-bisenzio.fi.it/flex/FixedPages/IT/Atti.php/L/IT/M/D/doc/232480.pdf
[10] https://italianostrafirenze.wordpress.com/2014/11/19/11095/
[11] https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/11/sblocca-italia-nel-decreto-del-governo-12-nuovi-inceneritori-in-10-regioni/1950788/
[12] http://www.gonews.it/2015/04/30/aeroporto-si-termovalorizzatore-no-cosi-si-presenta-il-candidato-presidente-mugnai-fi/
[13] https://www.campibisenzio5stelle.it/wiki/images/1/1d/2013-01-08_signa-mozione-pdl-pro-inceneritore.pdf
[14] http://www.valdarno24.it/2017/10/31/5-stelle-perche-ieri-sera-votato-al-documento-sui-rifiuti-san-giovanni/

Scrutatori al seggio: 145 € per amici e parenti

Scrutatori al seggio: amici e parenti piazzati come pubblici ufficiali a controllare le urne. La porcheria continua – Campi Bisenzio: in commissione elettorale ha vinto ancora l’accordo fra PD, Forza Italia, Sinistra Italiana e Alleanza Cittadina: ciascuno ha nominato i propri prediletti senza rendere né pubblico né trasparente il criterio di scelta.

Tutti hanno proclamato che volevano dare questa modesta opportunità di guadagno (145 euro) ai bisognosi. In realtà hanno approfittato della facoltà prevista dalla “legge porcata” Calderoli per seguire altri criteri. Da pochi esempi si capisce come vanno le cose: la sedicente sinistra, che a parole caldeggia la nomina di giovani e studenti, piazza al seggio l’ex assessore dell’ex sindaco. Forza Italia fa tutto in famiglia: ci mette il coniuge del consigliere. Il PD ci mette invece l’assessore, a cui evidentemente non basta la libera professione cumulata con i 17 mila euro/anno di compenso da assessore, vuole i 145 euro aggiuntivi (Errata Corrige sotto). Confusa Alleanza Cittadina: prima dice che l’estrazione a sorte è l’unica cosa giusta, poi invia la propria lista di nominati.

Fuori dal coro c’è il MoVimento 5 Stelle e il gruppo Misto. A nostro avviso solo il sorteggio garantisce equità e imparzialità, visto che non esiste alcuna graduatoria di merito o di reddito dei 1300 iscritti all’albo. Grazie alla nostra insistenza abbiamo ottenuto l’estrazione a sorte di un terzo degli scrutatori; un risultato incoraggiante, ma non soddisfacente.

Ci hanno accusato di creare caos per l’ufficio elettorale: gli scrutatori sorteggiati a volte rinunciano e bisogna sostituirli. Sostengono che, al contrario, le persone accuratamente scelte da lor signori siano affidabili; peccato che durante l’ultimo referendum – di tutti gli scrutatori nominati dalla maggioranza – ben uno su tre non sia andato al seggio!

ERRATA CORRIGE: Il post originale conteneva la frase non vera: “Il PD ci mette invece l’assessore…”, il nome dell’assessore NON proviene dalla lista dei NOMINATI, ma dal SORTEGGIO!
Corre l’obbligo di spiegare l’origine dell’errore: 1) I consiglieri di maggioranza non mi hanno comunicato la lista dei loro nominati. 2) Dagli Uffici mi è giunto l’elenco “Scrutatori Nominati Maggioranza+Minoranza” contenente il nome dell’assessore. 3) In realtà l’elenco presentato dalla maggioranza non comprendeva l’assessore, ma conteneva 18 nominativi errati (uno ogni tre!), che hanno obbligato gli Uffici alla sostituzione. 4) Per le sostituzioni non è stato usato il criterio suggerito dei più giovani, ma è stato usato l’ordine di sorteggio (che vedeva appunto l’assessore nelle prime posizioni).

P.S. Rinnoviamo l’invito per tutti i cittadini interessati ad iscriversi all’albo degli scrutatori. Invitiamo invece coloro che non sono sicuri di garantire il servizio a far cancellare il proprio nominativo.